Coito interrotto: il modo più veloce per diventare mamma

Coito interrotto: come diventare mamma

Tutti lo temono, eppure molti lo fanno. È il salto della quaglia, tecnicamente chiamato “Coito Interrotto”, ovvero fare l’amore senza preservativo nel tentativo di interrompere il rapporto nel momento in cui l’uomo sta per venire. Questo prevede quindi che, pochissimi istanti prima della eiaculazione, ci sia una rapida estrazione volontaria del pene dalla vagina.

Non lo fanno solo i giovani che non vogliono rischiare di avere gravidanze inaspettate. Questa è una pratica diffusa anche tra le coppie più adulte che vogliono evitare ulteriori gravidanze. In alcuni casi anche coppie di amanti. Tutte le ricerche pubblicate fino ad ora confermano che la maggior parte dei rapporti sessuali avviene così: il coito interrotto è il metodo più usato per evitare di rimanere incinta. Allo stesso tempo, si parla di boom di gravidanze indesiderate: le statistiche parlano del 20%, cioè una gravidanza su cinque. Purtroppo poi succede, quasi sempre, che queste si concludano con un aborto volontario specialmente tra le più giovani.

Questo causa fatti di cronaca spiacevoli, come il caso della ragazzina di Bari rimasta incinta a 12 anni o le storie di ragazze di 16 anni che gettano nella spazzatura il figlio appena venuto al mondo.

Per questo la campagna di Comodo.it in occasione della festa della mamma sostiene il sesso sicuro e protetto e invita scuole, istituzioni, genitori e chiunque si senta coinvolto, a diffondere l’educazione alla sessualità. Perché chi rischia, non sa che agire con maggiore consapevolezza rende la vita più facile e permette di imparare a scoprire la propria sessualità. Solo in questo modo il sesso può essere davvero un sano divertimento.

Segnala a un amico
Visita il nostro Forum
Scrivi a posta@comodo.it @

Scrivi una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Puoi utilizzare questi tag e attributi HTML:

<a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>