Perdite vaginali

Perdite vaginali, come distinguerle

Conosci la differenza tra un perdita vaginale normale e una anormale? Sai che le perdite vaginali sono comuni a tutte le donne? Diamo uno sguardo ai vari tipi di perdita in modo da capire quali sono quelle anomale.

La vagina in buono stato

La funzione base della vostra vagina è quella di fornire un collegamento tra i genitali esterni e il sistema riproduttivo interno. Il naturale ph acido della vagina ha la funzione di impedire le infezioni ed è causato dalla produzione di batteri naturali, non nocivi per l’organismo.
Quando la vagina è sana, si mantiene pulita e in buono stato di salute producendo secrezioni normali. L’equilibrio naturale della vagina può essere però interrotto da qualsiasi fattore che interferisca con il suo ambiente naturale.

Quando la perdita è normale?

In primo luogo è importante capire che tutte le donne hanno perdite vaginale più o meno abbondanti. Le ghiandole presenti nella vagina e nella cervice producono una piccola quantità di fluido che fuoriesce giornalmente, portando con sé le vecchie cellule che foderano la vagina.
Una normale perdita vaginale aiuta a tenere pulita e lubrificata la vagina, libera da infezioni e da altri germi, non ha un odore sgradevole (o è del tutto inodore) e appare solitamente di colore chiaro o latteo quando si asciuga sullo slip. A volte si possono notare dei puntini bianchi oppure una perdita più leggera.

Altri fattori che possono causare cambiamenti nell’aspetto e nella consistenza della perdita vaginale sono:

  • il ciclo mestruale
  • lo stress emozionale
  • la gravidanza
  • qualsiasi medicina contenente ormoni (per esempio la pillola anticoncezionale)
  • l’eccitamento sessuale
  • l’allattamento
  • l’ovulazione
  • una dieta particolare.

L’equilibrio del ph della vagina può inoltre essere modificato dall’uso di determinati prodotti (lavande vaginali, prodotti per l’igiene femminile, saponi profumati, deodoranti, antibiotici) e da eventi quali la gravidanza, il diabete o altri disturbi. Tutti questi fattori possono essere causa di infezioni vaginali.

Come le mestruazioni influiscono sulle perdite vaginali?

Il ciclo mestruale ha un effetto significativo sul tipo di perdita vaginale. Sapete che è più facile avere delle infezioni vaginali subito prima o durante il ciclo? Questo succede perché l’equilibrio del ph della vagina varia durante il ciclo mestruale, con conseguente abbassamento del livello di acidità della vagina alcuni giorni prima e durante le mestruazioni. A metà del ciclo sarà normale avere un aumento di secrezioni vaginali, chiaro indice che l’ovulazione è in corso.

Quali sono i segnali di una perdita vaginale anormale?

Alcuni segnali che possono indicare una perdita vaginale anormale e un’infezione sono:

  • cambiamento di colore, consistenza e quantità
  • aumento costante delle perdite
  • presenza di prurito, disagio o qualsiasi sfogo
  • bruciori vaginali durante la minzione
  • presenza di sangue al di fuori del periodo mestruale
  • perdita vaginale di consistenza simile alla ricotta
  • odore sgradevole accompagnato da perdite vaginali giallastre, verdastre o biancastre.

Se avete una perdita con una di queste caratteristiche, consultate il vostro medico per una diagnosi e la cura dell’infezione. Le perdite vaginali sono comuni ed è probabile che abbiate almeno un’infezione vaginale nella vostra vita.

L’infezione vaginale più frequente è la vaginite batterica. Sono molto comuni anche le infezioni vaginali da lievito, per la cura delle quali sono disponibili alcuni farmaci da banco.

Tuttavia è importante non auto-diagnosticare mai un’infezione vaginale da lievito, a meno che non sia già stata diagnosticata in una precedente occasione dal medico e quindi ne conosciate già i sintomi.
Un’altra infezione vaginale comune è la tricomoniasi.

Segnala a un amico
Visita il nostro Forum
Scrivi a posta@comodo.it @